L’étranger en Romagne

Condividi...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Print this pageEmail this to someone
Avevo già preparato il refrain esorcizzante: “A Gatteo c’erano quattro gatti”.
Ma non c’è stato bisogno. A Gatteo di gatti ce n’erano ben più di quattro e mi sono trovato, ancora una volta, molto bene.
Quindi, doverosamente, e anche molto volentieri, ringrazio chi ha organizzato con estrema cura la chiacchierata sui miei libri in terra romagnola.
In primis, Antonella Brighi, che ha concepito l’idea del mio viaggio, ha provveduto a orchestrare le cose e gli inviti, mi ha fatto visitare il suo paese e quello di suo marito Verter (senza dolori) che mi ha fatto un gradito corso accelerato di gastronomia romagnola.
Un grazie a Loretta Buda che ha efficacemente aiutato Antonella e a Gilberto Bugli, il quale ha letto, emozionandosi ed emozionandoci, alcuni testi di Narda Fattori.
Davvero non ultimo, grazie a Bruno Bartoletti, per la lettura generosa e partecipata dei miei libri. Ha aperto, con le sue domande, con le sue considerazioni e con citazioni di autori fondamentali, prospettive sempre interessanti e mai banali.
Una breve ma sentita considerazione di fondo: la Romagna mi sembra sia ancora, a tutt’oggi, una terra aperta al sorriso.
Anche nei confronti di un étranger, comme moi.

romagna 1

romagna 4

romagna 5

romagna 2

romagna 3

étranger

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>