Archivi tag: erotismo

Quello che è successo a Joana

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Quello che è successo a Joana | Valério Romão,
traduzione di Vincenzo Barca,
Caravan edizioni, Roma, 2017

Uno stralcio della mia recensione a Quello che è successo a Joana di  Valério Romão.
Un romanzo coraggioso, giocato sul ritmo, sulla necessità di una lettura che corre, travolge, coinvolge, senza sconti, senza vie di fuga. 
La recensione completa è a questo link: http://www.zestletteraturasostenibile.com/quello-che-e-successo-a-joana-valerio-romao/ 

           *  *  *  *  *  *  *

La trama racconta l’attesa spasmodica di un figlio. La ragione di una vita. Quando la realtà sembra avverare il desiderio per un errore umano o per una pugnalata della sorte il sogno diventa incubo, e la ragione si tramuta in follia.

Il libro di Romão ci trasporta in un luogo in cui siamo già stati, anche senza averlo mai visto: l’affastellarsi di idee e oggetti si mescola ai desideri, alle speranze, alle disillusioni, alla pulsioni, alle manie. Ci introduce senza preamboli in quella zona brulicante e intricata che potremmo definire “poesia”; caotica, sincopata, tra ricorse e frenate, slanci e abissi di dubbi e timori. Ci conduce dentro i giorni, normali e fatali, di una donna, di una coppia, di individui con un loro mondo, i loro problemi specifici, personalissimi, eppure in grado di rappresentare quel gioco ininterrotto di esaltazione, attesa, depressione, tonfo nel baratro e risalita.

Romão non indulge mai in questo romanzo nelle cadenze malinconiche del fado. C’è il dolore, c’è la malinconia, la pena, ma non c’è mai la resa incondizionata né il gusto dello struggimento che lacera. I personaggi, la protagonista Joana in particolar modo, si difendono con le unghie e con i denti. Ogni arma lecita è utilizzata, e, quando non basta, pur di non cedere si ricorre anche ad armi non convenzionali. L’erotismo, innanzitutto, agito o pensato, reso esso stesso proiezione del desiderio mentale più assoluto e totalizzante: «Joana, si sdraia a poco a poco al capezzale del letto e le dita della sua mano sinistra tracciano piccoli cerchi, con cautela, per via della fede d’oro con dentro la scritta per sempre […]non se la toglie perché, non essendo preparata all’eternità, lo è ancora meno a riconoscere l’errore».

 

Valério Romão (1974) è uno scrittore,  drammaturgo e traduttore. Si è laureato in Filosofia e ha lavorato come informatico.  È stato selezionato tre volte al concorso nazionale dei Giovani Creatori (2000, 2001, 2002). È stato anche uno dei rappresentanti portoghesi alla Biennale dei giovani creatori d’Europa e del Mediterraneo in Bosnia-Erzegovina nel 2001. Dopo un lungo interregno editoriale, ha lanciato per Abysmo i romanzi “Autismo” (2012) e “O da Joana “(2013), i primi due volumi della trilogia” Paternità fallite “. Ha visto le sue storie pubblicate nelle edizioni portoghese, inglese e svedese della rivista Granta. Ha pubblicato la pièce “The Mala” (Guillotine) e il racconto “Coltelli” (Società delle Isole, 2013), “Da Família” (Abysmo, 2014) e “Dieci ragioni per aspirare a essere un gatto” 2015.  In francese è stato tradotto il suo romanzo “Autisme”. L’editore è Chandeigne. Ha pubblicato su Granta, Revista Egoísta o Somos Somos Livros ed è cronista del quotidiano Hoje Macau.