Archivi tag: Antonella Brighi

L’étranger en Romagne

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone
Avevo già preparato il refrain esorcizzante: “A Gatteo c’erano quattro gatti”.
Ma non c’è stato bisogno. A Gatteo di gatti ce n’erano ben più di quattro e mi sono trovato, ancora una volta, molto bene.
Quindi, doverosamente, e anche molto volentieri, ringrazio chi ha organizzato con estrema cura la chiacchierata sui miei libri in terra romagnola.
In primis, Antonella Brighi, che ha concepito l’idea del mio viaggio, ha provveduto a orchestrare le cose e gli inviti, mi ha fatto visitare il suo paese e quello di suo marito Verter (senza dolori) che mi ha fatto un gradito corso accelerato di gastronomia romagnola.
Un grazie a Loretta Buda che ha efficacemente aiutato Antonella e a Gilberto Bugli, il quale ha letto, emozionandosi ed emozionandoci, alcuni testi di Narda Fattori.
Davvero non ultimo, grazie a Bruno Bartoletti, per la lettura generosa e partecipata dei miei libri. Ha aperto, con le sue domande, con le sue considerazioni e con citazioni di autori fondamentali, prospettive sempre interessanti e mai banali.
Una breve ma sentita considerazione di fondo: la Romagna mi sembra sia ancora, a tutt’oggi, una terra aperta al sorriso.
Anche nei confronti di un étranger, comme moi.

romagna 1

romagna 4

romagna 5

romagna 2

romagna 3

étranger

 

La creta indocile, 16 gennaio, presentazione e ricordo di Narda Fattori

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone
Giovedì prossimo tornerò molto volentieri in Romagna.
Sarà un piacere per me rivedere amici che ho conosciuto grazie a Narda Fattori.
La serata è dedicata al ricordo di Narda. Lei sarà sicuramente lì, seduta da qualche parte, ad ascoltare e  a sorridere, generosa e schietta, come ha sempre fatto. Speriamo di non beccare qualche scappellotto. Assonanza involontaria ma adeguata.  
I libri di Narda li ho letti tutti con piacere e su qualcuno ho anche scritto: https://www.ivanomugnaini.it/le-parole-agre/
ed ho imparato varie cose anche dai dialoghi con lei: https://www.ivanomugnaini.it/alcune-lezioni-sulla-vita-e-sulla-morte/
search
foto di Biblioteca comunale "G. Ceccarelli".
Pubblico
Presentazione del libro di poesie di Ivano Mugnaini
‘La creta indocile’

Dialoga con l’autore il prof.  Bruno Bartoletti
Letture di Gilberto Bugli

in ricordo di Narda Fattori

INGRESSO LIBERO

‘Siamo così diversi, amore, che nessuno scienziato
potrà mai inventare un congegno per farci dialogare
Ma quando ti stringo ad occhi chiusi
con la bocca serrata, sono certo che siamo una frase,
un discorso ritmato dalle sillabe di un umano infinito.
Siamo ciò che il nostro corpo ha capito
prima degli occhi miopi della mente’

Ivano Mugnaini è nato a Viareggio e si è laureato a Pisa. Scrive narrativa, poesie e note critiche. E’ traduttore per alcuni editori. Ha pubblicato i libri di poesie ‘Controtempo’, ‘Inadeguato all’eterno’ e ‘Il tempo salvato’, le raccolte di racconti ‘La casa gialla’ e ‘L’algebra della vita’ e i romanzi ‘Il miele dei servi’ e ‘Limbo minore’. Il suo racconto ‘Desaparecidos’ è stato pubblicato da Marsilio e il suo romanzo breve ‘Un’alba’ da Marcos y Marcos. Di recente uscita il romanzo ‘Lo specchio di Leonardo’. Cura il blog letterario ‘Dedalus’
https://ivanomugnainidedalus.wordpress.com/

 

Alcune lezioni sulla vita e sulla morte

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Ho incontrato Narda Fattori a Sant’Arcangelo di Romagna il 22 ottobre scorso. Sapeva che le restava poco tempo eppure ha accettato di presentare il mio libro alla Biblioteca Baldini. Lo ha fatto senza mai smettere di sorridere, facendo sua la vicenda narrata, raccontandola come se la avesse vissuta in prima persona brano dopo brano. La ha tramutata in una storia nuova, fedele e libera allo stesso tempo. Poi, assieme ad Antonella Brighi ed altri amici, siamo andati a cena. Era la terza volta che le parlavo di persona. La prima era stata a Pisa, la seconda a Sogliano al Rubicone, al Premio Venanzio Reali di Bruno Bartoletti. Eppure, seduto accanto a lei, io, orso non di rado laconico, mi sentivo allo stesso tempo parente e amico, figlio e compagno di viaggio di una lunga gita, una scampagnata sui prati della vita. Narda aveva una dolcezza aliena alle sdolcinatezze. Ti guardava fissa negli occhi, dava e chiedeva verità. Pur sapendo sempre capire e in fondo amare allo stesso modo, con la stessa forza, anche l’errore, l’imperfezione.

narda-fattori-1

 

Narda sapeva che il mondo è storto e sbilenco ma non per questo lo disprezzava, anzi, lo amava con più volontà. Nelle sue Parole agre c’era la dolcezza di chi sa quanta fragilità ci sia nella forza e quanta forza nella fragilità.

leparoleagrenarda-fattori-3

Narda ha cantato i suoi versi e raccontato le sue storie fino in fondo. Senza mai smettere di assaporare i versi, il vino e ogni boccone di pane, cogliendone la sacralità concreta, il legame tra le zolle e quei colori sfumati e cangianti che sono sopra e dentro di noi.

E io, seduto accanto a lei, forestiero strano, viaggiatore spaesato, mi sono sentito a casa mia.

Sempre certo della sua presenza, sempre incerto riguardo alla possibilità di ricevere da lei una carezza o uno scappellotto, semischerzoso certo, ma sempre molto schietto e robusto.

narda-fattori-5

 

Ho incontrato Narda Fattori tre volte in vita mia ma oggi ho perduto qualcuno che avevo vicino.

La regola si conferma: nella vita conta la qualità, non la quantità.

 

Sono certo che se Narda leggesse queste parole le correggerebbe con una penna rossa e aggiungerebbe una battuta di spirito, lieve e corposa allo stesso tempo, ad ogni frase.

Ci inviterebbe magari a leggere o rileggere un suo libro, dicendoci che siamo dei patacca, che lei è ancora qui.

Ed avrebbe ragione lei, tanto per cambiare.

Dall’insegnante Narda Fattori ho ricevuto alcune lezioni sul modo di affrontare la vita e la morte: con coraggio e lievità, senza mai smettere di essere umani, con tutto ciò che comporta, l’impegno e il gioco, la ragione e la passione.

Spero di avere recepito abbastanza e soprattutto spero di sapere applicare qualcosa di ciò che senza mai predicare, senza mai pontificare, ci ha mostrato.

Ciao Narda, alla prossima cena, su qualche nuvola dove fanno un’ottima piadina

narda-fattori-2